Il Web dal punto di vista dell’usabilità, dell’utilità, dell’efficienza e dell’accessibilità

Cosa significano usabilità, utilità, utilità e accessibilità e come tenerne conto quando si sviluppa non solo un progetto di integrazione web. Nell’ultima parte abbiamo descritto Human Centered Design. Quando sviluppi un sito, vuoi che le persone inizino a usarlo, che tornino su di esso e, nella migliore delle ipotesi, ne diventino i promotori. Per ottenere ciò, è necessario che il sito Web abbia determinati attributi, ovvero usabilità, utilità, utilità e accessibilità. Questi possono sembrare simili o intercambiabili per alcune persone, ma c’è una differenza significativa. Esamineremo le differenze e come la loro assenza possa facilmente confondere l’utente del tuo sito. Ciò che scriviamo su un sito Web si applica anche alle applicazioni mobili o desktop.

Usabilità

ISO (International Organization for Standardization) definisce l’usabilità come “il grado in cui un software può essere utilizzato da consumatori specifici per raggiungere obiettivi quantificati con efficacia, efficienza e soddisfazione in un contesto d’uso quantificato”. Fonte: Wikipedia

Utilità

L’utilità ci dice cosa fa il Web e per quale scopo è stato progettato, se risolve un problema dei nostri utenti. Aiuta in qualche modo gli utenti? Puoi avere un’interfaccia super moderna e bellissima che raccoglie un premio di design dopo l’altro, ma a meno che non sia utile per le persone, non avranno bisogno di usarlo. Uno dei prodotti più noti che in realtà non risolveva alcun problema umano era probabilmente un dispositivo lanciato da Juicero, una start-up della Silicon Valley. Questo dispositivo non faceva altro che spremere un sacchetto di succo e controllare che il succo non fosse scaduto, anche se la data di scadenza era scritta su di esso. L’azienda lo ha ritirato dalla vendita dopo 16 mesi e dopo una serie di video in cui le persone stringevano i sacchetti con le mani.

Utilità

L’utilità è un termine molto simile all’utilità, ma a differenza dell’utilità enfatizza la funzionalità; l’utilità fa un punto del valore che il sito web apporta. Il sito ci apporta valore? Qual è il valore che l’utente ritiene che le funzionalità, le caratteristiche e i dati specifici offerti dal sito siano? Se il sito non riesce a portare valore all’utente, la sua usabilità è irrilevante. Questo è probabilmente ancora meglio visto nel “boom” delle app mobili. Oggi puoi scaricare un’app sul tuo telefono cellulare per qualsiasi cosa, da un client di posta elettronica a una varietà di “messenger”, per ordinare cibo, taxi o intrattenimento. La domanda rimane quante app vengono effettivamente utilizzate a lungo termine. Studi condotti negli ultimi anni dimostrano che le applicazioni mobili non sono così calde come potrebbe sembrare.

Accessibilità

Cosa ti viene in mente quando si parla di accessibilità? Che il sito sia raggiungibile da cellulare e tablet o che possa essere utilizzato comodamente da persone con qualche disabilità? Naturalmente, quest’ultimo è corretto. “L’accessibilità del Web è un grado di possibilità di utilizzare il sito per le persone con disabilità”. Fonte: webdesign.about.com


Ti può interessare anche...